Contattaci
Contattaci

Mammografia
A cosa serve e quando iniziare a farla

CMS Spoleto srl

La mammografia è un esame diagnostico fondamentale nella prevenzione e nella diagnosi precoce del cancro al seno. Utilizzando una bassa dose di raggi X, questa tecnica permette di ottenere immagini dettagliate del tessuto mammario, consentendo ai medici di individuare anomalie o cambiamenti che potrebbero indicare la presenza di tumori. La mammografia è uno strumento essenziale per la salute delle donne, raccomandato regolarmente a partire da una certa età o in presenza di fattori di rischio specifici. In questo articolo, esploreremo cos'è la mammografia, come si svolge e perché è così importante nella lotta contro il cancro al seno.

Che cos’è la mammografia?


La mammografia è una tecnica di imaging medico specificamente progettata per esaminare il tessuto mammario. Questo esame utilizza raggi X a bassa dose per creare immagini dettagliate delle mammelle, permettendo ai medici di rilevare precocemente eventuali anomalie o cambiamenti che potrebbero indicare la presenza di condizioni patologiche, come il cancro al seno.

Scopi principali della mammografia:
1. Screening: La mammografia di screening è raccomandata per le donne asintomatiche come metodo preventivo per individuare tumori al seno in stadi molto precoci, spesso prima che possano essere avvertiti tramite l'autopalpazione o l'esame clinico. Questa pratica è fondamentale per aumentare le possibilità di trattamento efficace e successo terapeutico.
2. Diagnostica: Quando una donna presenta sintomi come noduli palpabili, dolore al seno, secrezioni dal capezzolo o altri cambiamenti, la mammografia diagnostica viene utilizzata per approfondire le indagini e determinare la natura del problema. In questi casi, può essere accompagnata da altri esami come l'ecografia mammaria o la risonanza magnetica.

Come si svolge l'esame?


Durante una mammografia, la paziente viene posizionata davanti a una macchina per mammografia, e il seno viene posto su una piattaforma apposita e compresso delicatamente tra due piastre. Questa compressione è necessaria per appiattire il tessuto mammario e ottenere immagini più chiare, riducendo anche la dose di radiazioni necessaria. L'intero processo dura solo pochi minuti, e sebbene possa causare un leggero disagio, è generalmente ben tollerato.

Importanza della mammografia


La mammografia è uno strumento essenziale nella lotta contro il cancro al seno. La sua capacità di rilevare tumori in fase iniziale, quando sono ancora molto piccoli e non invasivi, consente interventi tempestivi che migliorano significativamente la prognosi e la sopravvivenza delle pazienti. Le linee guida per la frequenza delle mammografie variano a seconda dell'età, della storia familiare e di altri fattori di rischio, ma generalmente si consiglia di iniziare i controlli regolari intorno ai 40-50 anni.

A che età è consigliabile effettuare l’esame?


La raccomandazione per l'età in cui iniziare a sottoporsi a mammografie varia leggermente a seconda delle linee guida di diverse organizzazioni sanitarie, ma in generale, ecco le indicazioni più comuni:
Linee guida generali:
1. Donne di età compresa tra 40 e 49 anni:
• American Cancer Society (ACS): Suggerisce che le donne possano iniziare a considerare le mammografie annuali a partire dai 40 anni, discutendo i benefici e i rischi con il proprio medico.
• U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF): Raccomanda di iniziare le mammografie ogni due anni dai 50 ai 74 anni, ma per le donne di 40-49 anni la decisione dovrebbe essere personalizzata in base ai fattori di rischio e alle preferenze personali.
2. Donne di età compresa tra 50 e 74 anni:
• American Cancer Society (ACS): Raccomanda mammografie annuali per le donne dai 45 ai 54 anni e biennali (o annuali, se preferito) per quelle di 55 anni e oltre, fino a quando la loro aspettativa di vita è di almeno 10 anni.
• U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF): Consiglia mammografie ogni due anni per le donne di età compresa tra 50 e 74 anni.
3. Donne di età superiore ai 75 anni:
• American Cancer Society (ACS): Suggerisce che le mammografie continuino finché la donna è in buona salute e ha un'aspettativa di vita di almeno 10 anni.
• U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF): Non fornisce una raccomandazione chiara per le donne sopra i 75 anni, indicando che la decisione dovrebbe essere personalizzata.

Fattori di rischio
Per le donne con un rischio più elevato di cancro al seno (ad esempio, una storia familiare significativa, mutazioni genetiche note come BRCA1 o BRCA2, o una storia personale di cancro al seno), potrebbe essere consigliabile iniziare le mammografie e altri test di screening (come la risonanza magnetica) prima dei 40 anni. Queste decisioni dovrebbero essere prese in collaborazione con un medico, che può personalizzare il piano di screening in base alla situazione individuale.

Discussione con il medico
È fondamentale che le donne discutano con il proprio medico per determinare il momento più opportuno per iniziare le mammografie e la frequenza degli esami. Il medico può valutare i fattori di rischio personali e familiari e fornire raccomandazioni basate sulle linee guida attuali e sulla salute generale della paziente.

Vuoi prenotare o maggiori informazioni ?

Siamo a tua disposizione per ogni chiarimento o supporto, puoi chiamarci telefonicamente o contattarci tramite whatsapp cliccando i bottoni

+39 0743 223927 WhatsApp

oppure inviarci la tua richiesta compilando il modulo con i tuoi dati

 
 
 



Formula di acquisizione del consenso dell'interessato
Informativa Privacy Modulo ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679
Informativa Privacy Newsletter ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679
L'interessato acquisite le informazioni dal Titolare, presta il consenso per le finalità sotto riportate.

I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.